7 modi per sbloccare i siti Web

Il “world wide web” collega gli umani attraverso
il globo. Consente un libero flusso di informazioni, idee e contenuti tra
chiunque e tutti.


Ma nel tempo, noi
ha visto l’introduzione di molte restrizioni sull’accesso ai contenuti su
Internet. Alcuni di questi veli sono politicamente motivati, mentre altri lo erano
obbligo morale di qualsiasi società civile.

Lo sono i siti Web bloccati
uno dei migliori esempi di tali restrizioni. Puoi osservarlo su tutti
tipi di bilance e per tutti i tipi di motivi.

Ci sono siti Web
vietato in tutta la regione per motivi politici. Lo sono i siti Web bloccati
comune su reti scolastiche e universitarie. E i genitori hanno bloccato
siti web nella rete domestica sin dalla sua nascita.

La narrativa di
se il divieto è giusto o sbagliato varieremo da una persona all’altra, e noi
non sono qui per discutere su questo.

Invece, lo faremo
ti offre 7 modi per sbloccare i siti web. Con così tante opzioni a
a tua disposizione, ti sarà facile accedere praticamente a qualsiasi sito Web bloccato.

1. Una VPN è il modo migliore

Una rete privata virtuale sembra essere il
soluzione unica per la maggior parte delle minacce e restrizioni associate a
Internet.

Una rete privata
crittografa e reindirizza il tuo traffico online su uno dei suoi server, quindi su
la richiesta raggiunge finalmente il server di destinazione. Il server di destinazione lo farebbe
ora credo che la richiesta abbia avuto origine dal server VPN.

In caso di restrizioni geografiche,
tutte le richieste di accesso al sito Web da una regione contrassegnata vengono respinte e
pertanto, non è possibile accedere a un sito Web. Ma quando instradi il tuo
traffico attraverso uno dei server VPN che non si trova all’interno di quello contrassegnato
regione, è possibile accedere al sito Web senza alcun singhiozzo (diverso da quello aumentato
latenza).

Un altro modo di
il blocco dei siti Web avviene quando le organizzazioni inseriscono nella blacklist URL e domini sui propri
Rete. Può essere l’ISP che non ti consente di accedere ad alcuni siti Web o ai tuoi
organizzazione inserendo nella blacklist alcuni.

Una VPN può dimostrarlo
essere una soluzione alternativa anche per tali restrizioni. Il traffico dell’utente è crittografato
prima che venga instradato a qualsiasi server. La crittografia impedisce a chiunque di
sapere quale sito Web l’utente sta cercando di visitare.

Anche gli ISP non lo faranno
essere in grado di capire cosa stai facendo su Internet. La maggior parte dei servizi VPN arriva
con crittografia di livello militare in questi giorni e i sistemi non possono farlo.

Dal momento che nessuno lo sarà
in grado di conoscere i siti Web a cui stai tentando di accedere, non ci sarà il
fastidio per i siti Web bloccati.

Sblocco di siti Web
è solo una delle cose per cui una rete privata virtuale è utile. Suo
la funzione principale è quella di mantenere l’utente anonimo fornendo allo stesso tempo un più aperto
Internet.

Puoi usare una VPN su
sia PC che dispositivi mobili e sblocca tutti i siti Web desiderati.

Puoi trovare recensioni della maggior parte dei principali servizi VPN sul nostro sito web. Quindi, se decidi di prenderne uno, puoi consultare la sua recensione sul sito Web e avere una chiara idea di cosa sia il servizio.

2. Utilizzare server DNS personalizzati per sbloccare i siti Web

Internet non riconosce gli indirizzi web come
noi facciamo. Quando inserisci un URL nel browser come www.google.com,
la query viene inviata a un server DNS che corrisponde a questo indirizzo alfabetico
rispetto all’insieme di numeri registrato, quindi reindirizza il traffico a
server a cui punta l’indirizzo.

I server DNS sono di più
o meno come le directory che aiutano la richiesta dell’utente a raggiungere la destinazione
server.

Quando si tratta di
bloccando i siti Web, molti fornitori di servizi applicano filtri sul proprio DNS
server in modo che quando l’utente invia una richiesta di accesso a un sito Web filtrato, egli
ottiene un risultato nullo.

La ragione per
l’applicazione di questi filtri può essere molte. Può essere a causa delle leggi locali,
politiche dell’organizzazione che mantengono tali server o qualsiasi altra cosa.

Tuttavia, il semplice
la conoscenza di come viene applicata la restrizione offre una soluzione per il
problema. Se solo uno può reindirizzare la richiesta a un server DNS che non ha
filtri, non ci saranno siti Web bloccati.

Per fortuna, non lo è
così difficile da modificare le impostazioni in modo tale che le tue richieste URL passino a un DNS
server di tua scelta anziché andare al server DNS predefinito dell’ISP.

Puoi aggiornare
impostazioni per il dispositivo o a livello di rete per configurare server DNS personalizzati come
quello predefinito. Tutto quello che devi fare è accedere alle impostazioni di rete e quindi
modifica l’indirizzo DNS personalizzato in quello che preferisci.

Alcuni dei popolari
le opzioni per i server DNS personalizzati sono quelle di Google (8.8.8.8) e
Cloudflare (1.1.1.1). I server DNS pubblici di Google di solito non intrattengono molto
di filtri e sarai in grado di accedere alla maggior parte dei siti Web.

L’unico aspetto negativo
sarà la registrazione dei dati da Google. Memorizzano tutte le informazioni relative a
il flusso di traffico dal loro sito Web. Se di solito sei preoccupato per il tuo
privacy online, quindi il server DNS pubblico di Google potrebbe non essere l’opzione migliore
per te.

Cloudflare, sul
d’altra parte, sembra un’opzione molto migliore. Non memorizzeranno il tuo indirizzo IP
o le attività ad esso associate. Non troverai filtri sui loro server,
anche.

Anche Cloudflare
fornisce un’applicazione mobile che reindirizza tutto il traffico mobile attraverso
il loro server DNS. È uno dei modi più semplici per accedere a una rete più aperta
su dispositivo mobile senza spendere un solo centesimo.

3. Anche il browser TOR lo fa

La rete TOR (The Onion Router) è stata sviluppata dal laboratorio di ricerca navale degli Stati Uniti come metodo per proteggere la loro comunicazione online da ficcanaso.

Il metodo ha ora
diventare uno dei modi più efficaci per aggirare tutti i tipi di restrizioni,
così tanto che ora è diventato sinonimo di dark web.

Il web oscuro è un
raccolta di siti Web a cui è possibile accedere solo tramite una rete anonima
come Tor. Ospita molti siti Web che trattano illegalmente, non eticamente e
modi immorali. Pertanto, le persone ne parlano spesso con disgusto.

Puoi scoprirlo
alcune statistiche e fatti interessanti su Darknet in questo articolo.

Tornando a
sbloccare i siti Web utilizzando il browser Tor è un compito abbastanza semplice. Tutto ciò di cui hai bisogno
fare è scaricare il browser, quindi provare ad accedere al sito Web.

Tor lavora su a
rete peer-to-peer. In breve, il browser reindirizza il traffico online
dell’utente attraverso i sistemi di altri partecipanti alla rete. Significa
non è necessario spendere nulla per la logistica o qualsiasi altro fisico
stabilimenti.

E dal momento che il
il traffico viene instradato attraverso più altri sistemi situati in posizioni casuali
in tutto il mondo, si può ottenere molto sull’anonimato sulla rete Tor.

Il metodo è
efficace nel consentire all’utente di eludere le restrizioni geografiche e
quelli introdotti dai giocatori locali.

Parliamo ora
il possibile svantaggio di questo metodo di sblocco di siti Web. La rete Tor
non è il posto più sicuro su Internet se si considera il tipo di persone che usano
esso. Non puoi essere sicuro di quale tipo di traffico viene instradato attraverso il tuo sistema o il
entità della registrazione delle informazioni relative alle tue attività online.

Ci sono anche modi
molte variabili per il gradimento di molte persone e potresti non volerle usare
la rete dell’anonimato se non sei un fan delle sorprese.

4. È possibile utilizzare i proxy Web

Se sei tra i più pigri e non farlo
vuoi passare attraverso le seccature come la modifica delle impostazioni DNS e il download
il browser Tor, quindi l’utilizzo di un proxy Web potrebbe essere il modo più appropriato per
voi.

Ce ne sono molti
siti Web proxy su Internet che ti permetterebbero di passare molto online
restrizioni. Tutto quello che devi fare è visitare il sito Web del proxy e inserire l’URL
che desideri visitare.

Lascia che ti informiamo
in anticipo che l’utilizzo di un proxy web non è sempre il modo più efficace di
sbloccare un sito Web. Troverete spesso il metodo ridondante per molto
di casi.

Avrai anche
per sacrificare una grande esperienza utente che generalmente si ottiene su a
sito Web quando lo visiti in circostanze normali.

Un proxy web quasi
funge da rappresentante del sistema su Internet. L’unica differenza
essendo che in realtà non è il tuo sistema e possiede un indirizzo IP diverso.
Il server proxy invierebbe tutte le richieste per tuo conto e mostrerebbe
tu i risultati.

Tuttavia, se lo sei
utilizzando un proxy web gratuito, c’è un prezzo che stai pagando. Registra il tuo
attività online e sappiamo tutti che i dati sono il petrolio new age.

A differenza di una VPN
servizio, non vi è alcuna crittografia coinvolta in questi servizi proxy e lo faresti
non conoscere mai l’entità dell’esposizione delle informazioni online.

Se il sito web tu
stanno provando a visitare usando un proxy web è dinamico, quindi potresti non avere il
periodo migliore per navigare in Internet.

Puoi trovarlo facilmente
tonnellate di siti Web proxy su Internet e potresti voler scorrere
a seconda che stia facendo o meno il lavoro per te. Basta fare
sicuro di non cadere troppo in profondità nella tana del coniglio e finire con un danno
sito Web proxy.

5. Lasciarlo sull’estensione del browser

Un sito Web proxy di solito degrada il
esperienza nel senso che stai lavorando su un browser all’interno di un browser.
L’uso di un’estensione del browser proxy può rivelarsi una soluzione migliore a questo.

Estensioni del browser
che sbloccano i siti Web vengono forniti con tutti i tipi di attributi. Alcuni funzioneranno
in un modo che è estremamente simile a un sito Web proxy, mentre ce ne sono alcuni
che viene fornito con tutte le campane e i fischi di un servizio VPN.

La maggior parte dei proxy
le estensioni per i browser funzionano allo stesso modo di un sito Web proxy. Ne userebbe un po ‘
un altro server all’avanguardia per il tuo browser e ti farà conoscere molti
restrizioni che finiscono per bloccare un sito Web.

La maggioranza di
queste estensioni non fornirebbero alcuna crittografia per i tuoi dati. E se
sono liberi, quindi è molto probabile che ci siano tutti in modo aggressivo
la tua attività online.

Molta VPN
i servizi vengono forniti con estensioni del browser, ma non tutte forniscono tali estensioni
lo stesso tipo di protezione che hanno quando l’utente si connette a Internet
usando l’applicazione.

Quindi, se stai usando
una delle estensioni del browser da un servizio VPN, assicurati che abbia tutte le funzionalità
misure di sicurezza che ti aspetti.

Il browser di Hola
le estensioni sono quasi un’anomalia in questo caso. Il servizio si basa su un peer
rete peer per aiutarti a eludere le restrizioni – qualcosa sulla falsariga di
cosa succede quando si utilizza un browser Tor.

È anche ovvio
che eredita anche tutti gli svantaggi e i pericoli della rete Tor.

Gran parte del browser
le estensioni per sbloccare i siti Web sono disponibili gratuitamente. E speriamo che lo sia
abbastanza intelligente da capire che nulla è disponibile gratuitamente in questi giorni. Se
non ti stanno facendo pagare nulla per il servizio, quindi sei tu
incentivi che ottengono per fornire il servizio.

Uno dovrebbe sempre
varia la possibile registrazione dei dati durante l’utilizzo di queste estensioni e dovrebbe provare
di non esporre nessuno dei dati sensibili durante l’utilizzo.

6. Utilizza la cache del motore di ricerca

Finora, abbiamo discusso alcuni dei tentati e
metodi testati per sbloccare i siti Web. Ora è il momento di arrivare ad alcuni dei meno
metodi sofisticati. Queste sono le disposizioni improvvisate che puoi impiegare
per alcuni casi.

Il primo di
questi metodi utilizzano la cache per accedere a un sito Web.

I motori di ricerca hanno
crawler che coprono la lunghezza e l’ampiezza di Internet, indicizzando ogni
possibile pagina possibile e archiviare tutte le informazioni nel loro database.

Puoi quasi trovare
tutta Internet nei file memorizzati nella cache di importanti motori di ricerca come
Google. Quando si tenta di trovare la versione cache di un sito Web nella ricerca
motore, tutto il traffico raggiunge il tuo sistema dal server del motore di ricerca
anziché l’indirizzo IP del sito Web.

Significa che puoi
aggirare le restrizioni imposte dal monitoraggio IP, dalla manomissione del DNS
come le restrizioni geografiche imposte da alcuni siti Web. Dal momento che questi sono i tre
ragioni principali per cui si ottengono siti Web bloccati, non si dovrebbe trovare difficile
accedere ai siti Web.

Il trucco è semplice
abbastanza da implicare, almeno nel caso di Google. Tutto quello che devi fare è digitare cache: seguito dall’URL del sito Web in
la barra di ricerca di Google. Ti presenterà una versione cache di
sito Web di cui puoi goderti.

Devi già
individuato i possibili demeriti dell’uso di questa tecnica. Il più ovvio è
che non ti fornisce l’ultima versione del sito web. Potresti trovare
informazioni obsolete o ridondanti sul sito Web. E non aiuterà se lo riceverai
alcune nuove informazioni erano il solo scopo del tuo accesso al sito web.

Inoltre non puoi
esplorare il sito Web liberamente, dal momento che ogni link sulla pagina punta a
indirizzo IP originale e sarà una seccatura continuare a trovare le versioni della cache
di tutte queste pagine.

Ma è carino
trucco per avere la manica nel caso in cui si desidera dare un’occhiata a uno dei
le pagine del sito Web a cui non è possibile accedere in base alle disposizioni attuali.

7. Google Translate fa molto di più della semplice traduzione

Ed ecco un altro modo bizzarro per sbloccare
siti web. Google Translate può aiutarti ad accedere ai siti Web agendo in qualche modo
un proxy web per te.

Puoi semplicemente entrare
l’URL del sito Web nel traduttore e la versione tradotta sarebbe un
collegamento effettivo al sito Web. E quando fai clic su quel link, si aprirà il
sito Web per te all’interno del traduttore.

Dalla fonte di
il traffico per il tuo sistema sarebbe server di Google Translate, puoi facilmente
aggirare molte delle misure restrittive.

Il vantaggio di
l’utilizzo di Google Translate su altri proxy Web non ti deve preoccupare
di essere infettati da una fonte malevola in quanto è possibile con alcuni
dei siti Web proxy là fuori.

Il rovescio della medaglia di
utilizzando il traduttore è che fornirebbe la peggiore esperienza di navigazione
rispetto agli altri metodi di sblocco dei siti Web discussi in questo articolo.

Se vuoi leggere
alcuni articoli o visualizzare alcune immagini, quindi potresti usare il traduttore.
Ma per casi d’uso più dinamici, non vorrai sentirti frustrato nel provare
accedere al sito Web.

Tutti i metodi che noi
discusso in questo articolo ti illustrerà la maggior parte delle restrizioni e
censura. Ma se uno è molto aggressivo e attivo nell’applicare il
restrizione, potresti trovare tutti questi metodi obsoleti.

Il grande firewall
della Cina e Netflix sono fantastici
esempi di rigorose applicazioni di restrizioni geografiche. Ce ne sono solo alcuni
servizi che ti consentono di superare questi.

Ma non tutti possono
essere investito in restrizioni come questi ragazzi. Pertanto, potresti trovare il file
sopra i metodi che funzionano per te il più delle volte.

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map